Comunità Montana Partenio - Vallo di Lauro

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Italiano

Fra i prodotti tipici dell’agricoltura un posto rilevante merita il nocciolo, per il quale l’Irpinia contribuisce per 1/3 alla produzione nazionale totale.
Il paesaggio di ampie zone delle Campania è fortemente caratterizzato dalla coltivazione del nocciolo, coltura di antichissimo insediamento in Campania e di solida tradizione, che ha trovato il miglior casamento in Irpinia, una terra dal suolo solitamente calcareo e molto adatto a tale coltura.
La nocciolicultura è pratica dominante nei territori di Vallo di Lauro e nel Baianese, nella Valle del Sabato, nel Partenio e nella Valle Caudina: ne consegue che la nocciola domini  su tutte le tavole e nella natura: le sue cultivar Mortarella, Camponica e San Giovanni, sono riconosciute dal Ministero delle politiche agricole “prodotto agroalimentare tradizionale italiano”.
In particolare, le nocciòle, nelle varietà "avellana" e "mortarella", sono uno dei prodotti tipici dell'Irpinia e, in particolare, del Vallo di Lauro e Baianese, ma sono ampiamente diffuse anche nella fascia del Partenio, dove è presente, in particolare, la varietà "andrite".
Naturalmente l’ottima qualità di queste nocciole le rende universalmente apprezzate, specie nelle pasticcerie e gelaterie dove sono impiegate per la preparazione di torrone e cioccolatini; e nella gastronomia.
La cucina dell’Irpinia fa un grande uso delle nocciole per condire alcuni primi piatti tipici del luogo, confezionati con pasta fresca fatta a mano e con farina di grano duro: si tratta di un’originale versione culinaria, di una vera innovazione che è pronta a sublimare palati e gusti di quei viaggiatori ed esploratori di cucine diverse che attualmente costituiscono una fetta consistente del nostro turismo: che è alla ricerca di località e tradizioni antiche.
Chi visiti questi luoghi e le sue cucine potrà cosi facilmente raggiungere lo scopo dell’agognata ricerca e scoprire che qui la cucina e gli abitanti sono accomunati da sicure e pregevoli caratteristiche di autenticità ed originalità.

La Mortarella
La nocciola Mortarella campana ha una dimensione medio-piccola ed è caratterizzata da frutti anche non uniformi e piccoli. La forma è leggermente allungata, sub-cilindrica e compressa lateralmente, si distingue per il perisperma (la pellicola interna) facilmente staccabile. Il guscio è abbastanza sottile, di colore marrone chiaro, con lievi striature di colore più intenso e leggermente schiacciato nella parte inferiore. La polpa è aromatica, consistente, di colore bianco-avorio; di sapore pregevole, quando viene tostata rimanda a sentori di crosta di pane e caramello.
La Mortarella è coltivata in quasi tutte le aree corilicole campane (ad eccezione del Giffonese) per le sue pregevoli caratteristiche d’idoneità alla trasformazione. I comuni della provincia di Avellino che rientrano nell'area di produzione sono: Mercogliano, Monteforte Irpino,  Mugnano del Cardinale, Ospadaletto d'Alpinolo, Quindici, Sirignano, Summonte, Taurano.

La Camponica
La nocciola Camponica è denominata anche “la Tonda” o “Tonda Camponica”. Ha una forma sub-ellissoidale, un guscio resistente ed un seme grande. La sua polpa è soda e bianca, con perisperma che si stacca facilmente.
La Camponica presenta ottime caratteristiche di qualità ed un solo difetto: la produttività. Perché la sua coltura necessita di aree ad altimetria più elevata, ai limiti della coltivazione redditizia del nocciolo.
I suoi frutti sono destinati soprattutto al consumo diretto e sono consumati come prodotto fresco – infatti è ottima per il consumo da tavola - e come ingredienti per ricette dolci o salate.

La San Giovanni
Detta anche sangiovannara o sanjovanna, la nocciola di San Giovanni ha una forma allungata e lievemente compressa ai lati. il seme è medio piccolo ed è molto apprezzato per le sue buone caratteristiche organolettiche. Il suo frutto tostato è caratterizzato da un'aroma di media intensità che ricorda la crosta di pane.
Presenta un’alta produttività ma rispetto alla Mortarella ha un valore commerciale inferiore, causa la forma allungata del frutto e la sua scarsa attitudine alla trasformazione.
Area di produzione: la San Giovanni ed è coltivata nelle aree pianeggianti delle province di Avellino e di Napoli (in minor parte).

English

Among the typical products of agriculture a relevant place deserves the crux, for whom the Irpinia contributes 1/3 the total national production.

The landscape of large areas of Campania is strongly characterised by the cultivation of Hazel, culture of ancient settlement in Campania and solid tradition, which has found the best marriage in Irpinia, an earth ground usually calcareous and very suitable for this crop.

Cultivating hazelnuts is the dominant practice in the territories of Vallo di Lauro and in Baianese, in the Valley of Saturday, Feverfew and in the Valle Caudina: it follows that the hazelnut domains on all boards and in nature: its cultivars Mortarella, Camponica and San Giovanni, are recognized by the Ministry of agriculture as "traditional Italian food products."

In particular, the "avellana” and “mortarella" hezelnuts, are one of the typical products of  Irpinia and, in particular, of Vallo di Lauro and Baianese, but they are widely spread in the belt of Parthenius, where there is, in particular, the "andrite" variety.

Of course the excellent quality of these nuts makes them universally appreciated, especially in bakeries and ice cream shops where they are used for preparation of nougat and chocolate, and in gastronomy.

Irpinia cuisine makes a great use of hazelnuts to dress some early plates, packed with fresh pasta and hand-made with durum wheat flour. This is an original culinary version of a true innovation that is ready to sublimate palates and tastes of those travelers and explorers to different cuisines which currently constitute a substantial part of our tourism: who is looking for sites and ancient traditions.

Those who visit these places and its kitchens can easily achieve the purpose so the desired search and find that the kitchen and the inhabitants are safe and common features of authenticity and originality.

The Mortarella

Mortarella Hazel Bell has a small to medium size and is characterized by non-uniform and also fruits. The shape is slightly elongated and cylindrical, compressed laterally, stands for perisperma (the internal) easily detachable. The shell is fairly thin, light brown with slight streaks of color more intense and slightly crushed at the bottom. The flesh is consistent, aromatic, white-ivory; excellent flavor when toasted refers to notes of caramel and bread crust.

The Mortarella is cultivated in almost all areas except Giffonese for its valuable characteristics of suitability for processing. The municipalities of the province of Avellino within the production area are: Mercogliano, Monteforte Irpino, Mugnano del Cardinale, Ospadaletto d'alpinolo, Fifteen, Sirignano, Summonte, Taurano.

The Camponica

The Camponica is also known as "Round" or "Round Camponica". It has a sub-ellipsoidal shape, a resistant shell and a large seed. Its pulp is white, with soda and perisperma that comes off easily.

The Camponica presents excellent quality and features only one flaw: the productivity. Because its culture requires areas with higher elevation, the limits of profitable cultivation of core.

Its fruits are intended primarily to direct consumption and are consumed as fresh product – is excellent for table consumption-and as ingredients for sweet or savoury recipes.

The San Giovanni

Also called sangiovannara or sanjovanna, Hazel St. John has an elongated and slightly compressed sides. the seed is small and medium is very appreciated for its good organoleptic characteristics. Its toasted fruit is characterised by a medium intensity aroma reminiscent of crusty bread.

Has a high productivity but compared to a commercial value Mortarella has less, because the elongated shape of the fruit and his poor aptitude for transformation.

Production Area: San Giovanni and is cultivated in lowland areas of the provinces of Avellino and Napoli (minor part).

File Audio

Italiano



English





Prodotti Tipici

Dove Dormire

Dove Mangiare

Servizi - Artigianato