Comunità Montana Partenio - Vallo di Lauro

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Italiano

Il Sentiero Italia è un itinerario escursionistico che attraversa l’intero territorio nazionale, ben curato e segnato dal Club Alpino Italiano. In Irpinia sono presenti diversi sentieri, per lo più nel territorio montano. Nel Partenio, le tappe del Sentiero Italia sono tre: 89, 90 e 91. Attraversano il massiccio del Partenio e permettono di ammirare da vicino una gran parte del patrimonio naturalistico, storico e anche religioso di questo territorio. E sono, inoltre, ben collegate con i numerosi sentieri del Parco, creando così un'unica grande rete territoriale, che si può percorrere da Est (Ospedaletto - Summonte) ad Ovest (Arienzo - San Felice a Cancello), da Nord (Valle Caudina) a Sud (Valle di Lauro e Baianese).  
Sentiero Italia 89° Tappa
La tappa n 89, va da Monteforte Irpino (500 m) alla Caserma forestale di Campo Maggiore (1352 m). E’ un percorso pedemontano, lungo 21 km. e percorribile in 7 ore di cammino od anche in mountain bike. Per il percorso è consigliabile accompagnarsi ad una guida, a causa dei numerosi bivi esistenti e difficili da individuare.
Il sentiero parte dalla Alvanella (Monteforte Irpino) al km 77,5 della S.S. per Napoli e continua in direzione sud-ovest, svoltando a destra. Dopo circa 500 metri, alle porte di Torelli di Mercogliano, svolta a sinistra, all'altezza di una fonte, su una sterrata che passa sotto il cavalcavia dell'Autostrada AV-NA. Dopo circa 2 km, la sterrata s’innesta su una strada asfaltata che conduce, sulla destra, al Castello di Mercogliano. Qui si scende nel centro storico fino all’imbocco del Sentiero dei Pellegrini: un percorso lastricato e con scaloni, che porta dritto al Tiglio dei Pellegrini (m 950). Dal Tiglio inizia una discesa che conduce ad Ospedaletto e Summonte e, successivamente, in un luogo molto celebrato dalla leggenda popolare, la "Sedia della Madonna", che è una grande roccia dove si sarebbe seduta la Madonna e su cui, da secoli, continuano a sedersi  migliaia di pellegrini, finendo per sagomare la stessa roccia a forma di sedile. In prossimità di Ospedaletto s’incontra "Lo scalzatoio", un altro luogo che suscita sentimenti religiosi, un piccolo locale che una volta era coperto, dove i pellegrini erano soliti lasciare le proprie scarpe e proseguire scalzi fino al Santuario. Dopo circa 3 ore e 15' complessive si arriva alla piazza di Ospedaletto d'Alpinolo dove ognuno, volendo, può abbeverarsi e trovare refrigerio alla Fonte del Tritone. Altri 15' di strada asfaltata e si arriva nella piazza di Summonte, dove si può ammirare un tiglio secolare che segna simbolicamente la fine della tappa.
Sentiero Italia 90° Tappa
La tappa n° 90 rappresenta il tratto più interessante del Sentiero Italia, perché tocca le cime più alte del Partenio. Il sentiero è lungo 13 km. e si può percorrere in 4 ore. Il percorso appare abbastanza facile e va dal rifugio forestale di Campo (1352 m.) al rifugio Piani di Rapillo (1236 m.).
Si parte dai 750 m. di quota, vicino alla Piazza di Summonte, dopo circa 300 m. di ciottolato, si lascia il sentiero 204 che porta alla chiesetta rupestre di San Silvestro e si  prosegue a sinistra per circa 3 km., su tratto sbrecciato e fino alla località Forcetelle, a 1224 m. Qui, vicino alla strada asfaltata che collega Pietrastornina a Montevergine, si trova un rifugio. Si svolta a destra e si prosegue sull'asfalto per circa 1 km., fino alla località “Sopra l'Arenella”. Da questo punto si dipanano, svoltando a destra, i sentieri 206 e 207: il primo porta a S. Angelo a Scala e l’altro sul Monte Vallatrone (1517 m.). Svoltando a sinistra, e dopo un percorso alternato di tratti su rocce e tratti che attraversano la selva, si raggiungono i Monti di Avella che sono la punta più alta del Partenio con i suoi 1598 m.. Da questo punto, la nostra vista può spaziare e ammirare il Vesuvio, il Golfo di Napoli, le isole di Capri, Ischia e Procida, i monti Lattari. Proseguendo si toccano le alture di Cima Vale di Piedimonte, Ciesco Bianco (1589 m.), Croce di Puntone e Ciesco Alto.   
A questo punto del nostro cammino, la pendenza prende a scemare e discende fino alla conca di Piano di Lauro (1258 m.), dove si trovano una fontana a cui rinfrescarsi e il rifugio del Club Alpino Italiano in cui sostare.
Sentiero Italia 91° Tappa
Alla pari della tappa precedente, anche la n. 91 è lunga 13 km. e non presenta difficoltà. E’ percorribile in 4 ore. Il Sentiero si sviluppa in discesa con un andamento tortuoso e porta, attraverso la cararreccia denominata "Trave del Fuoco" (m. 1156), alla fonte del Mafariello, nel comune di S. Martino Valle Caudina a S. Martino V.C. Il tratto Mafariello - San Martino si può fare anche in mountain bike o a cavallo.
Partendo dal Rifugio di Piano di Lauro si va verso la croce di ferro. Percorsi 300 metri  e seguendo il sentiero 208, ci si può approvvigionare d’acqua alla fonte "Acqua Fredda". Tornando indietro, s’inizia una discesa di grande sapore naturalistico, segnato costantemente dalla faggeta, e con un sentiero tortuoso che fiancheggia il vallone Acqua Fredda.
Dopo circa 45', si giunge ad una piccola radura, si svolta a destra e s’intraprende una sterrata che prosegue anche in discesa. Si attraversa il vallone, facendo molta attenzione ai massi disposti sul sentiero, e si continua su sterrata, giungendo alla Fonte del Mafariello, dopo aver intersecato per tre volte una strada asfaltata: qui siamo a metà percorso.
Dopo l’eventuale sosta, si prosegue la discesa, intersecando per altre tre volte la strada asfaltata, e ci s’immette sulla sterrata, fino alla Masseria Ciesco. Attraversando la strada asfaltata, si prosegue su sterrata per altri 20', e si giunge alle porte di S. Martino V.C. realizzando un doppio traguardo: la fine del sentiero n. 91 ed il completamento dei 90 km. che costituiscono il tratto irpino del Sentiero Italia. Nell’occasione è utile sapere che, dopo essersi dissetati alla sorgente, da S. Martino V.C. si può intraprendere un altro affascinante percorso, utile per raggiungere la località di Acqua delle Vene, nel  territorio di Pannarano.

English

Italy trail is a hiking trail that traverses the entire national territory, well-maintained and marked by the Italian Alpine Club. In Irpinia, there are several trails, mostly in mountainous territory. The Parthenius, stages of the trail are three Italy: 89, 90 and 91. Crossing the massif of Feverfew and admire closely a largely naturalistic, historical and even religious of this territory. And are also well connected with the trails of the Park, thus creating a single large territorial network, you can travel from the East (Ospedaletto-Summonte) West (Arienzo-San Felice a Cancello), North (Valle Caudina) South (Valle di Lauro and Baianese).

Italy 89° Stage trail

The stage goes from n 89, Monteforte Irpino (500 m) to senior Foresters barracks (1352 m). It's a 21 km-long mountain. and lasts 7 hours of walking or biking. For the path you should be accompanied by a guide, because of the numerous existing junctions and difficult to detect.

The trail starts from Alvanella (Martinborough) 77.5 km of S.S. for Naples and continues Southwest, turning right. After about 500 meters, at the gates of Torelli of Mercogliano, turn left, at the height of a source, on a dirt road that passes under the freeway overpass AV-NA. After about 2 km, unpaved engages on a paved road, on the right, to the castle of Ischia. Here you go in the old town to the trailhead of the pilgrims: a path paved with pebbles, which leads straight to the Linden dei Pellegrini (950 m). From Linden began a descent that leads to Ospedaletto and Summonte, and later in a place very popular legend, celebrated by the "Chair of the Madonna" which is a large rock where you would be seated Madonna and on which, over the centuries, continue to sit thousands of pilgrims had to skirt the same seat-shaped rock. Near Ospedaletto meets "The scalzatoio", another place that evokes religious feelings, a small club that was once covered, where pilgrims used to leave their shoes and go barefoot up the sanctuary. After about 3 hours and 15 overall you arrive at piazza di Ospedaletto d'alpinolo where everyone can drink, wanting, and freshening the Triton Fountain. Other 15 ' of paved road and you arrive in the square of Summonte, where you can admire an age-old Linden tree that marks the end of the stage, symbolically.

Italy trail 90° Stage

Stage n° 90 represents the most interesting trail Italy, because it touches the highest peaks of Feverfew. The trail is 13 km long and you can go in 4 hours. The path appears fairly easy and goes from di Campo chalet (1352 m.) to Rapillo chalet (1236 m.).

Starting from 750 m. above sea level, near the square of Summonte, after approximately 300 m cobblestones, you leave the path that leads to 204 cave Church of San Silvestro and continue to the left for about 3 km, sbrecciato and stretch up to the village Forcetelle, in 1224 m. Here, close to the paved road that connects Pietrastornina to MontevergineThere is a refuge. Turn right and continue on the asphalt for about 1 km until the village "Above the Arenella". From this point you unravel, turning right, 206 and 207 paths: the first door in s. Angelo in scale and the other on Mount Vallatrone (1517 m.). Turn left and after a path alternate strokes on the rocks and through the forest, you reach the Monti di Avella which are the highest point of Feverfew with his 1598 m. .. From this point, our view can space and admire the Vesuvius, the Gulf of Naples, the islands of Capri, Ischia and Procida, the monti Lattari. Continuing touching the heights of the top worth Piedimonte, Ciesco white (1589 m), cross of Puntone and Ciesco.

At this point in our journey, the slope takes to subside and descends until the conca di Piano di Lauro (1258 m), where you'll find a fountain to cool off and the Italian Alpine Club hut where stop.

Italy 91° Stage trail

At the previous stage, also the No. 91 is 13 km long. and presents no difficulty. It lasts 4 hours. The trail runs downhill with a meandering course through the door, and cararreccia called "Beam of fire" (d. 1156), at the source of Mafariello, in the municipality of San Martino Valle Caudina at s. Martino V.C. The Mafariello-San Martino you can go mountain biking or horse riding.

Starting from the Laurel Plan you go towards the iron cross. Routes 300 feet and following the path 208, we can supply water at source "cold water". Back, begins a descent of great taste naturalistico, scored consistently from beech forest with a winding path along the Valley cold water.

After approximately 45 ', you reach a small clearing, turn right and take on a dirt track that continues even downhill. It crosses the Valley, giving much attention to boulders placed on the path, and you continue on dirt, the source of Mafariello, having intersected three times an asphalted road: here we are at the halfway point.

 

After the break, continue the descent, crossing for three times the paved road, and there are places on the unmade road until the Masseria Ciesco. Crossing the asphalted road, continue on track for another 20 ', and you arrive at the gates of St. Martino V.C. realizing a double goal: the end of trail no. 91 and completion of 90 km. that make up the stroke path Italy irpino. On the occasion, it is useful to know that, after IV at the source, by s. Martino V.C. you can embark on another fascinating, useful for reaching the Water veins, in the territory of Pannarano.

 

File Audio

Italiano



English





Prodotti Tipici

Dove Dormire

Dove Mangiare

Servizi - Artigianato